Faculty
Programma Scientifico
Scheda di Iscrizione
Informazioni Utili
Curriculum Docenti

La diagnosi precoce dell’infezione da HIV, presenta dei benefici sia per il singolo individuo, in quanto permette il tempestivo inizio della terapia antiretrovirale di combinazione (cART) con riduzione della mortalità e morbilità HIV-relate e conseguente allungamento dell’aspettativa di vita dei soggetti HIV-positivi, sia per la salute pubblica, perché la conoscenza del proprio stato di HIV positività comporta l’assunzione di comportamenti sessuali consapevoli; inoltre, con l’abbattimento della carica virale a seguito dell’inizio della cART si riduce la trasmissibilità dell’infezione programma UNAIDS 90-90-90 per il controllo dell’epidemia a livello globale entro il 2020). Purtroppo in Europa circa il 50% dei casi di infezione da HIV sono diagnosticati tardivamente (CD4<350/mmc) ed è pertanto necessario implementare i metodi di screening per le diagnosi di HIV. In Italia, dai dati della coorte Icona, circa il 60-65% delle persone con infezione da HIV arriva alla diagnosi con conte di CD4<350/mmc e tale percentuale non si è modificata negli anni. Una possibile strategia è rappresentata dall’offrire il test a pazienti affetti da patologie ‘suggestive’ di infezione da HIV. Un importante documento stilato da un gruppo di clinici europeo ‘HIV in Europe’ (‘HIV Indicator Conditions: Guidance for Implementing HIV Testing in Adults in Health Care Settings’) ha infatti evidenziato diverse categorie di patologie che possono essere correlabili alla presenza di infezione di HIV, e per le quali quindi è indicato eseguire un test per la ricerca di infezione da HIV:

  • patologie AIDS definenti;
  • patologie che sono indicative di una ridotta risposta del sistema immune alle infezioni o altre noxae patogene;
  • patologie correlate a comportamenti sessuali promiscui;
  • patologie neoplastiche per cui è indicata una chemioterapia antiblastica.

Su queste basi, è stato sviluppato un progetto pilota denominato ICEBERG (HIV screening tests beyond the target) – i cui risultati sono stati presentati al recente Congresso Nazionale ICAR, giugno 2019 – ideato con l’obiettivo di: 

  • offrire il test per HIV (e il trattamento antiretrovirale in caso di HIV sieropositività come da linee guida), a tutti i pazienti afferenti le UOC di malattie infettive, ematologia, oncologia, neurologia, dermatologia, gastroenterologia, ginecologia, unità di cura intensiva, della ASST Santi Paolo e Carlo, ricoverati affetti dalle cosiddette “HIV Indicator Conditions” (patologie in cui è stata confermata una prevalenza di infezione da HIV superiore allo 0.1%, nel setting epidemiologico di Europa Occidentale);
  • stimare la reale prevalenza di infezione da HIV in pazienti
ECM
N. crediti formativi: 6
ID ECM evento: 150-275098

Ref. Edvige BRAMBILLA PISONI, Francesco ROMEO
e-mail: edvige.brambilla@effetti.it

Destinatari: Virologia e Microbiologia; Malattie infettive; Allergologia e Immunologia Clinica; Ostetricia-Ginecologia; Malattie dell’apparato respiratorio; Oncologia; Ematologia; Dermatologia; Neurologia; Gastroenterologia; Medicina Interna; Geriatria; Igiene, Epidemiologia e Sanità pubblica. Infermieria. Assistenti sanitari. Biologi. Farmacisti ospedalieri. Psicologi.

×
Chiudi
×
Ho letto