Faculty
Programma Scientifico
Scheda di Iscrizione
Informazioni Utili
Curriculum Docenti

Si stima che siano quasi 250 milioni le persone che oggi vivono in un paese diverso da quello d’origine, con un incremento di quasi il 60% delle persone che hanno lasciato il proprio paese dal 1990 al 2015.

Nel 2015 il 3.3% dell’intera popolazione mondiale, di fatto, era rappresentato da migranti. 

In realtà, nel 2018 i fenomeni migratori verso l’Europa e, in particolare, verso l’Italia sono molto diminuiti; in Italia sono sbarcati 21 mila migranti. Tra i problemi legati al fenomeno dell’immigrazione, quello della salute è, se non il principale, uno dei più importanti. 

Relativamente alle malattie trasmissibili, il recente rapporto dell’OMS evidenzia che:
rifugiati e migranti possono essere più vulnerabili alle malattie infettive nei luoghi di origine, transito e destinazione per esposizione a infezioni, mancanza di accesso all’assistenza sanitaria, discontinuità delle cure e condizioni di vita sfavorevoli;
il rischio di trasmettere malattie trasmissibili alla popolazione ospite nella Regione europea da parte di rifugiati e migranti è molto basso;
particolarmente problematica è l’infezione tubercolare latente perché può rimanere non diagnosticata;
rifugiati e migranti hanno maggiori probabilità di ricevere diagnosi tardiva di HIV;
le infezioni da HBV e HCV sono più frequenti tra rifugiati e migranti da paesi ad alta endemia;
la prevalenza di queste infezioni tra le popolazioni di rifugiati e migranti varia nei diversi Stati membri.

ECM
N. crediti formativi: 6
ID ECM evento: 150-278429

Ref. Edvige BRAMBILLA PISONI
e-mail: edvige.brambilla@effetti.it

×
Chiudi